Archivio Tag: Luna

Serata di Osservazione a Teora – 10 Agosto 2011

Manifestazione / Evento Pubblico
Report di Vincenzo Favale:
Ieri sera, 10 agosto 2010, a Teora (Av), in piazza XX Settembre, su invito della ProLoco, abbiamo condotto la serata di osservazione astronomica.

La Luna al Castello – Le Stelle al Castello – Calitri (AV) – 8 e 18 Agosto 2011

Locandina realizzata dal prof. Pietro Cerreta di ScienzaViva

Il giorno 8 e il giorno 18 Agosto nell’ambito delle manifestazioni organizzate da ScienzaViva, con il patricionio del Comune e la ProLoco di Calitri, la Sez. Montella di AstroCampania curerà le osservazioni al telescopio.
- 8 Agosto La Luna al Castello a Calitri (Av)
- 18 Agosto Le Stelle al Castello a Calitri  (Av)

Eclissi di Luna del 15 giugno 2011

Eclissi_Luna_Featured

Cari amici di stelle, mercoledì 15 giugno 2011 avremo la possibilità di osservare un’ eclissi totale di Luna , un evento celeste poco frequente e particolarmente suggestivo, anche in considerazione del fatto che sarà molto “profonda” per il fatto che il cono d’ombra della Terra centrerà quasi esattamente la Luna e questo fa sì che l’’eclisse abbia una durata di 1 ora e 40 minuti , mediamente più lunga del solito.

Luna al decimo giorno

sinus iridum

LUNA DECIMO GIORNO

DOVE: dopo il tramonto a SUD-EST
FASE:  luna crescente
ETA’: 10 gg

Scheda cratere Theofilus

Cratere theofilus

Scheda osservativa

Cratere “Theofilus”

Theofilus  è un cratere intitolato da van Langren a San Teofilo teologo egiziano, fanatico avversario del paganesimo e responsabile della distruzione della biblioteca di Alessandria.

Distanza massima e minima della Luna

Apogeo-Perigeo

La Luna è il corpo celeste più vicino alla Terra e , astronomicamente parlando, è dietro l’angolo.

Il Sole è 390 volte più lontano, mediamente 150 Milioni di km, Plutone 16.000 volte  e la stella più vicina Proxima Centauri è 100 Milioni di volte più lontana.
solo qualche asteroide occasionalmente, incrocia l’orbita terrestre a distanze minori al 1 Milione di km.

Luna al settimo giorno

Monti Caucaso

LUNA AL  SETTIMO GIORNO
Cosa osservare, a cura di Antonio Catapano

DOVE: osservare  dopo il tramonto al meridiano SUD
FASE:  primo quarto
ETA‘: 7 gg

FORMAZIONI CONSIGLIATE:
Possiamo ora vedere i mari che vanno dal bordo Est fino al terminatore dell’alba lunare: il MARE CRISIUM, FECOUNDITATIS, TRANQUILLITATIS, SERENITATIS, NECTARIS.

Luna al sesto giorno

Luna 5-6 giorni

LUNA  SESTO GIORNO
in questa fase prossima al primo quarto la Luna culmina alla massima altezza, al meridiano Sud , poco prima del tramonto del Sole,  dandoci quindi la possibilità fino a tarda sera di poterla osservare con comodità a partire da un’ora dopo il tramonto e con profitto fino alle 23:00 circa.

Scheda cratere Aristoteles

Cratere Aristotele

Scheda osservativa “Aristoteles”

Aristoteles, è un cratere intitolato dal Riccioli nel 1651 al grande filosofo greco Aristotele che può essere considerato il creatore della logica (sillogismi).

Fotografia della Luna

La fotografia della Luna
di Luca D’Avino

È superfluo affermare che fotografare la luna è molto semplice, però non bisogna assolutamente tralasciare i principali fattori che possono far venire una cattiva fotografia (montatura, seeing, messa a fuoco, tempo d’esposizione etc.).

Scheda cratere Archimedes

Zona Cratere  Archimede

Scheda osservativa “ARCHIMEDES”

Archimedes, nome assegnato dal Riccioli nel 1651 in onore del  famosissimo matematico e fisico siracusano autore, tra le tante, della teoria della leva.

Programma Crateri

Sezione Luna
Programma Crateri

Il programma osservativo ha lo scopo raccogliere osservazioni e riprese fotografiche delle formazioni crateriche della superficie lunare e creare un archivio accessibile a tutti gli astrofili.

Programma osservativo e di catalogazione Crateri

Sia i “mari” che gli “altopiani” sono costellati da una miriade di impatti meteorici denominati “crateri”, essi sono delle strutture circolari a fondo piatto e dai bordi in rilievo, dal diametro da 1 cm a 100 km, mentre i bacini da impatto fino a 240 km sono detti “circhi” e possono essere profondi fino a 5 km.