PENTAX XW20

PENTAX XW20

L’OCULARE:
La serie XW di Pentax è successiva alla XL e consta di focali da 40 e 30mm a 2″, e poi focali da 20mm fino a 3.5mm con barilotto 1.25″. L’esemplare del test è il 20mm.

Cominciamo dalla costruzione, che io definirei maniacale. Anzitutto è singolare la forma a fungo dell’oculare, ma a colpire è la regolazione twist-up del paraluce, che richiede diverse decine di giri del barilotto per estrarlo tutto. La regolazione sarà dunque micrometrica, roba da fanatici!! I Meade 5000 sono la brutta copia, tra l’altro diventano “mollicci” con l’uso. La filettatura filtri è perfetta, sembra che si avvitino da soli.

Le prestazioni sono esemplari. L’oculare mostra un bel campo di 70 gradi e un’estrazione “snob” di 20mm per un confort senza eguali. L’ho preferito a un Panoptic 19/22 anche per via dell’estrazione e non mi pento della scelta: il Pentax XW 20mm è l’oculare in assoluto più prestazionale che abbia mai provato. Quasi impossibile trovargli dei difetti, se non una leggera curvatura di campo al bordo con telescopi a rapporto F/ veloce, che tende a sfocare le stelle (è completamente diverso dall’astigmatismo). A voler proprio trovare il pelo nell’uovo c’è un leggero residuo cromatico sulla Luna al bordo, ma sulle stelle, anche luminose. non ho notato questo.

Il contrasto è notevole: cielo nerissimo, stelle minute, niente cromatismo, niente riflessi interni, gli oggetti staccano per davvero! Un sogno fatto oculare, meglio anche dei Televue Nagler. Sul ED100 è spianato da bordo a bordo ed in genere con telescopi aperti almeno ad F/7, questo Pentax non ha praticamente difetti.
Infine, l’effetto parallasse che tanto affliggeva la precedente serie XL, qui è decisamente più contenuto, perlomeno quando è usato da solo senza Barlow. In questo caso noto anche un sensibile decadimento del contrasto, probabilmente perchè l’oculare già integra un gruppo telenegativo nel suo schema ottico.

Decisamente consigliato. Mettete qualche soldino da parte e lasciate perdere il resto del vetro ottico che c’è in giro! Meglio usarlo con diagonali 2″ anzichè 1.25″, pena una leggera vignettatura al bordo.

Un ultimo dato che deve far riflettere sulla differenza che passa fra un’azienda “seria” e un’altra. Campo dichiarato: 70.0°, campo rilevato: 70.0°

PENTAX XW20

PRO:
- prestazioni al top
- comodità notevole
- costruzione maniacale

CONTRO:
- compatibilità con la Barlow
- il più caro della categoria

DATI RILEVATI:
- Peso: 350g
- Campo apparente: 70.0°
- Field stop: 34.5mm
- Estrazione: 20mm

Test eseguito da Mirko Capuano ( http://mkastropage.altervista.org/ )




Articoli (forse) correlati: